Select Page

Tutti contro l’aumento della plastica nei mari

da | 5 Nov 2015 | Animali | 0 commenti

SurfriderSecondo il comunicato stampa di Surfrider, le azioni umane di tutti i giorni sono da biasimare. I tamponi di cotone gettati nella toilette, le microsfere di cosmetici o detergenti che intasano gli scarichi, gli imballaggi di plastica che avvolgono il pane e sicuramente i sacchetti usati per trasportare i prodotti fuori dai negozi, sono solo alcuni dei maggiori inquinanti dei nostri mari. E i responsabili siamo solo noi.
Surfrider vuole che il pubblico sappia chi sta pagando il prezzo per il consumo irresponsabile e ha deciso di trasmettere il messaggio attraverso una serie di immagini potenti e controverse. Le foto mostrano degli animali marini con una pistola puntata alla tempia: “26 milioni di tonnellate di rifiuti di imballaggi in plastica finiscono negli oceani ogni anno. Cambiamo il nostro modo di consumare”, spiegano.
Secondo un rapporto delle Nazioni Unite, innumerevoli animali marini vengono uccisi o danneggiati dall’inquinamento perché ingeriscono la plastica o ne rimangano impigliati. Il Centro per la salvaguardia della biodiversità riferisce che, ogni anno, i pesci nel Pacifico settentrionale ingeriscono da 12.000 a 24.000 tonnellate di plastica, mentre centinaia di migliaia di uccelli marini ingeriscono plastica e infine muoiono di fame. “L’inquinamento dell’oceano inizia con l’acquisto dell’oggetto, che sarà poi scartato come rifiuto”, si legge nel comunicato.
Le persone possono migliorare la salute del mare con “l’adozione di alcuni comportamenti eco-friendly: riducendo il loro consumo di prodotti di plastica; riutilizzandoli; riciclando i rifiuti e rifiutando di accettare l’onnipresenza della plastica”.

Per chi volesse approfondire.

Il sito ufficiale è disponibile in lingua Inglese e Francese.

L’autore

Pet Therapy Lab è una rivista digitale dedicata agli animali. Puoi leggerla on-line gratuitamente all'indirizzo http://issuu.com/petherapylab

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo con tutti i tuoi amici!

Shares